venerdì 9 dicembre 2016

Mario BO

Il piccolo e scaltro savonese non teme niente, neppure i più arcigni difensori. Proveniente dal vivaio del Torino, gioca otto stagioni in bianconero dal 1939 al 1946 (con una parentesi al Genova e all’Ambrosiana), vincendo la Coppa Italia del 1942. Sessanta presenze e venti reti è il suo tabellino. «A Carlin piacevano i suoi occhi – racconta Caminiti – che aveva di un azzurro ligure. Bisognava dargli la palla, e poi dirgli: martella, col suo dribbling testardo riusciva sempre a piazzare il cross e Gabetto giovane preferiva i cross di Bo, perché si ammorbidivano sull’ultimo metro, allo zompare dell’imbrillantinato turinéis. Di altre ali piccole la Juve ne avrebbe avute, fino a Ermes Muccinelli, ma uno come Bo non più. Cresciuto nei Balon Boys e lanciato dal Toro, diventò juventino nel 1939 e rinnovò le sfide belluine del derby, picchiando lui per primo il difensore grosso che fosse. Anche con l’aria di lavorucchiare sul pallone era tremendo, strani estri lo ispiravano, con tocchi smarcanti e più di segnare lui, molti goal fece segnare. Ma tutti i suoi nove goal in bianconero sono dei capolavori, perfetti come teoremi».

Nessun commento: