giovedì 31 gennaio 2013

Francesco LA NEVE

Il 22 febbraio 1986 la Juventus perde uno dei suoi uomini più importanti e più fedeli. Dopo ventun anni trascorsi con la squadra bianconera (era arrivato a Torino nel 1965, ai tempi di Heriberto Herrera), moriva alle 4:30 per infarto, il dottor Francesco La Neve, cinquantatré anni non ancora compiuti. Si occupava non solamente dei calciatori della Juve, ma di tutti gli atleti della Sisport. Laureatosi nel 1959 con successiva specializzazione in fisiochinesioterapia, direttore dell “Italian Journal of Sport Traumathology”, sul quale riportava le sue esperienze, animava dibattiti. Un uomo dolce e buono, un medico che badava molto allo salute altrui e molto poco alla propria. La sera prima, aveva discusso con Boniperti, Trapattoni, Giuliano e Morini delle condizioni fisiche della squadra in partenza per Bari. Nella notte, il malore improvviso. A nulla sono valse le cure della moglie Graziella (medico anch’essa), inutile la corsa all’ospedale delle Molinette.
MARIO BRUNO, “HURRÀ JUVENTUS” MARZO 1986
In questo spazio Francesco La Neve ha risposto per anni ai lettori con la mia minima collaborazione. La rubrica era nata con l’intento di farne una cosa seria, nel senso più professionale della parola, ma giorno dopo giorno il commentare gli scritti degli appassionati era diventato una sorta di piacevole colloquio, un salotto garbato, una bella ed attenta disamina dei problemi a sfondo bianconero, che partiva spinta dall’habitus dottorale, ma che si stemperava subito in un caldo discorso.
Era sinceramente bello, umanamente interessante, rubare la mezzora a Francesco la sera a casa, od il mattino prima che il medico, ancora nella veste del padre, accompagnasse il figlio a scuola, oppure al pomeriggio alla Sisport Fiat. Era bello e divertente, perché Francesco aveva il gran dono della semplicità.
Interrogandolo, c’era la certezza di ricevere un qualcosa di impercettibilmente importante. Era quel senso di vitalità che lui intravedeva in ogni cosa e che lo rendeva credente ad ogni costo.
Nel ricordarlo oggi, con autentica difficoltà per l’affetto che nutrivo nei suoi confronti, spero di riuscire ad evidenziare almeno in parte questa sua splendida dedizione alla vita ed agli uomini.
C’era una cosa che mi piaceva più di tutte: la sua correttezza, la sua moralità, il suo impegno quasi cieco verso valori assoluti, che gli impedivano di accettare le mezze misure ed i falsi, i compromessi. E questa interpretazione della vita aveva finito con il trasmigrarla nella sua attività di medico sociale bianconero, unendone i valori, per cui la Juve era diventata il simbolo di una precisa scelta dove tutto diventava primo.
Proprio su Cabrini gli avevamo rivolto di recente una domanda. Com’era mai possibile cioè che il terzino fosse stato in grado di scendere in campo, nel girone d’andata, ad Udine, con cinque punti di sutura di freschissimo conio sulla testa? «Perché Antonio è fatto così. È un uomo vero, un leader, un combattente. Non possono essere cinque punticini a tenerlo lontano dal proprio campo di battaglia».
Di Scirea apprezzava invece l’equilibrio: «Un ragazzo che sarà sempre felice nella vita perché ha dentro di sé valori morali di rara bellezza».
Affascinato dai condottieri, anche se in possesso di armi diverse e di personalità contrastanti, aveva invece un metro di valutazione più universale per parlare di Platini: «Noi della Juve qui non abbiamo fatto scuola, non abbiamo costruito il campione, non abbiamo scolpito l’uomo. È arrivato con i suoi valori personalissimi e li ha affermati perché ha incredibile bravura».
Profondo conoscitore degli uomini, Francesco non era (lo avrete capito a questo punto) soltanto un medico, ma una sorte di pater familias. Questa capacità di individuare, interpretare ed analizzare la matrice umana si era tradotta nel tempo in un vero e proprio pozzo di suggerimenti per la società stessa. Legato da un’amicizia profonda con il presidente Boniperti e con l’allenatore Giovanni Trapattoni, La Neve era in sintesi l’uomo in più, un consigliere atipico ed insostituibile.
Gli piacevano di conseguenza i simboli vincenti, quegli uomini che con l’esempio e l’abnegazione avevano scritto pagine di storia genuina. Era un tifoso morale di Dino Zoff: «Dino è unico, Dino è grande, Dino è l’esempio che l’uomo può raggiungere traguardi più lontani di quanto non dica la medicina stessa. Soltanto Dino, per assurdo, sa dove può arrivare, perché i suoi valori hanno ribaltato i valori convenzionali. Già, ma Dino non è un uomo convenzionale».
Ma era anche sulle barricate con Beppe Furino: «La bandiera, la sofferenza, l’umiltà, mescolate tutti questi ingredienti e verrà fuori Beppe, un eterno. Perché sarà così anche quando smetterà di giocare».
E tra gli ultimissimi bianconeri, Brio, Cabrini e Scirea gli dicevano qualcosa di più degli altri. Brio rappresentava il divenire della sua medicina: «Se questo sfortunato ragazzo si fosse infortunato in quel modo (quattro lesioni nello stesso istante, giocando un’amichevole a Vado, si chiama, clinicamente parlando, sindrome della sfortuna) anni addietro, sarebbe stato praticamente impossibile ricostruirlo. Ma la medicina cammina, anche se ha costantemente bisogno della fiducia del paziente. E Sergio è stato grande nel soffrire in silenzio per mesi e mesi e nel riuscire a trovare in quei frangenti la forza di credere. È stato premiato, giustamente. Per questa incredibile vittoria meriterebbe in un domani la convocazione in Nazionale».
Cabrini lo considerava invece l’ultimo baluardo di un certo tipo di genie bianconera, quella della penultima generazione, quella del Mundial.
Aveva terapie particolarissime, aveva persino inserito il famigerato bicchiere di vino sulla tavola del giocatore «perché nel vino c’è il ferro ed un goccio non fa assolutamente male».
Era famosa, inoltre, la dieta dell’uovo che propinava ai più cicciottelli quando la squadra riprendeva le ostilità stagionali a Villar Perosa. Pur fumando la pipa era un gran nemico del fumo «che negli atleti riduce la capacità aerobica».
Aveva in sintesi dieci, cento, mille consigli per tutti. Un uomo così non potrà mai essere dimenticato.

2 commenti:

OK CIAO ha detto...

Avevo intervistato il Dr. La Neve all'aeroporto Charles De Gaulle di Parigi in attesa di imbarcarci per Tokio dove l'8 maggio di 30 anni fa la Juve conquistò la Coppa Intercontinentale. Soltanto due mesi dopo, prima di partire per Bari dove effettuai la radiocronaca dallo stadio della Vittoria della gara Bari Juventus, appresi la notizia della sua morte. Rimasi sgomento per una fine così tragica e repentina. Lo ricordammo con un minuto di raccoglimento ed io gli dedicai tutto il mio pezzo introduttivo alla gara. Una persona estremamente cordiale di una disponibilità unica. Era diventato il simbolo, assieme a Boniperti, Scirea e Platini, di una Juventus forse irripetibile. Gianfranco Accio radiocronista dei bianconeri dal 1980 al 2000

OK CIAO ha detto...

Mi scuso ma rileggendo il mio commento ho sbagliato la data della finale. Era l'8 Dicembre 1985 non l'8 Maggio.