sabato 14 gennaio 2017

Alberto BERTUCCELLI

Nasce a Viareggio (Lucca) il 14 gennaio 1924. Cresciuto nella Lucchese, nell’estate del 1949 sembra debba finire al Torino, che sta faticosamente ricostruendo la squadra scomparsa a Superga: un infortunio determina però un raffreddamento nelle trattative fra rossoneri e granata, e il forte difensore approda così alla squadra bianconera. Bertuccelli è un terzino molto grintoso; la sua velocità e il suo scatto, uniti a un tocco di palla raffinato e a un impeccabile anticipo, lo fanno diventare un ottimo terzino “sistemista”, abile non solo nell’interdizione ma anche nella costruzione del gioco. Alberto è uno dei primi terzini fluidificanti del nostro calcio e le due reti segnate nella massima divisione, (una nel derby contro il Torino), in un’epoca dove i terzini difficilmente superavano la metà campo, ne sono la riprova.
Bertuccelli è stato ambasciatore dello sport Italiano all’estero, sia con la maglia della Nazionale Italiana che con i colori bianconeri della Juventus. Nel 1954, dopo cinque anni alla Juventus, nei quali totalizza 144 presenze, due goal, passa alla Roma dove, dopo un anno di continui infortuni, conclude la sua carriera calcistica.
«È morto, a Ferragosto, Alberto Bertuccelli, settantotto anni – scrive “La Stampa” del 17 agosto 2002 – ex difensore della Juventus e della Nazionale alla fine degli anni Quaranta. Da tempo soffriva di gravi disturbi cardiocircolatori. Viveva in situazioni economiche precarie con la moglie Valeria in un piccolo appartamento (proprietà di parenti) all'interno dello stabilimento balneare Dori, sulla passeggiata a mare. La comunità viareggina si era mobilitata affinché la Federcalcio assegnasse a Bertuccelli un vitalizio per meriti sportivi che, però, non gli fu mai riconosciuto».


VLADIMIRO CAMINITI
Il viareggino Bertuccelli cominciava dal naso di uccellaccio, completato presto dalla pelata. Manente accettava tutte le esuberanze atletiche del velocista suo compagno di reparto, uno che viveva la giornata a seconda dell’ispirazione. Quando era in forma, con il lampo dello scatto recuperava sull’ala fuggita. Era un punto di forza della squadra.


GIANNI GIACONE, “HURRÀ JUVENTUS” GENNAIO 1993
Alberto Bertuccelli eredita, a distanza di qualche stagione, la maglia numero due di Foni e se ne rende in tutto e per tutto degno. Il toscano approda alla Juve nell’estate del 1949, a venticinque anni, ed è uno dei protagonisti della scalata bianconera al primo scudetto dopo il mitico quinquennio. È la Juve di Parola e Boniperti, Martino e Muccinelli, John Hansen e Præst. Una Juve di campioni, in cui l’alacre impegno del terzino destro viareggino diventa il collante decisivo.
Bertuccelli è un marcatore implacabile, talvolta rude e altre volte delicato, a seconda della tempra dell’avversario di turno. Non si risparmia mai, e forma con Manente un’altra coppia invidiata e temuta da tutti. La sua ampia falcata e il suo senso dell’anticipo, lo impongono a un lotto pure qualificato di colleghi quando si tratta di conquistare, dopo la maglia bianconera, anche quella azzurra della Nazionale, in cui gioca una mezza dozzina di partite tutte di buon livello.
Problemi muscolari ne limitano a volte la continuità ma non l’ardore, lo slancio bellicoso. Il gran naso e i pochi capelli lo rendono facilmente individuabile dagli spalti: un gregario fondamentale in una Juve di campioni, capace di giocare 144 partite dal 1949 al 1954 e di firmare due scudetti tra i più belli della storia juventina, quelli del 1950 e del 1952. In quegli anni, infortuni a parte, nessuno in Italia lo vale, nel ruolo.
E poi, volete mettere la soddisfazione di far parte di quella che, secondo molti critici, è stata la Juve più bella e più forte di sempre: Viola, Bertuccelli, Manente, Mari, Parola, Piccinini, Muccinelli, Martino, Boniperti, John Hansen e Præst. Ai tifosi juventini con i capelli bianchi verranno sicuramente i brividi.

3 commenti:

Bedo ha detto...

Ho conosciuto Alberto scomparso alcuni anni fa, era il bagnino a Viareggio del mio stabilimento balneare e ha sempre raccontato i suoi trascorsi bianconeri. "Nappita" cosi lo chiamavano i suoi compagni di classe era oltre che un grande giocatore una grandissima persona e la piccola biografia raccontata gli rende merito

Luca

Stefano Bedeschi ha detto...

grazie, Luca, per questo commento ... se hai qualche episodio simpatico o significativo, scrivimi, in modo che possa completare la mia scheda ...
buona giornata ...

Luciano Tarabella ha detto...

Ho conosciuto Alberto Bertuccelli nel 1954 e seguenti quando abitava a Viareggio in Via Duilio ang. Via Fratti con sua moglie, la signora Valeria. La gentile signora, molto affabile con noi bimbi del quartiere, ci ospitava spesso in casa sua per guardare la tv, specialmente in occasiuone dei capionati mondiali mondiali del 1954. Il signor Alberto, qualche volta, si è divertito a giocare qualche minuto in pineta davanti a casa sua per la gioia ed il ricordo indelebile di noi ragazzi !