martedì 3 ottobre 2017

Zlatan IBRAHIMOVIĆ


Nasce a Malmö, il 3 ottobre 1981 da una famiglia di immigranti, provenienti dai dintorni di Tuzla in Bosnia-Erzegovina; padre bosniaco e madre croata, Zlatan è cresciuto a Rosengård, sobborgo di Malmö, densamente popolato da immigranti. «Mia madre, Djulka, ha lavorato come donna delle pulizie; tanto e duro, come può fare solo una che ha una personalità molto forte. Mio padre, Sefik, fa il manutentore di uno stabile ed ha un orgoglio smisurato; non puoi aiutarlo in niente, non te lo permette. Deve essere per questo che un sacco di volte, anche da ragazzo, mi sono sentito dire “Zlatan Ibrahimović, tu non ascolti”. È vero; mi piace fare le cose da solo. Ma il tempo mi sta aiutando a capire che a volte si ha bisogno anche degli altri. Anche in campo. Il campo dove sono diventato calciatore è stato quello di un parco di Rosengard, il ghetto di Malmö. Pochi svedesi, molti stranieri: neri, arabi, musulmani, orientali.
Ci si conosceva tutti, ci si aiutava tutti e soprattutto si giocava tutti i giorni, ma proprio tutti; i ragazzi arrivavano anche dagli altri parchi lì intorno e ognuno portava una cosa nuova, inventata oppure vista alla televisione. Un colpo, un tiro particolare, una finta. I miei maestri di strada sono stati due: Goran, un macedone, e Gagge, un bulgaro che toccava la palla come un brasiliano, aveva un anno più di me e giocò assieme a me nella Primavera del Malmö. Mi hanno spiegato un sacco di trucchi, mi hanno insegnato il piacere di far fare certe cose al pallone, di toccarlo in un certo modo».
Nel 1995, all’età di tredici anni, viene acquistato dalla squadra della sua città, il Malmö FF; nel 1999 fa il suo esordio nella serie A svedese dove, fino al 2001, totalizza complessivamente 40 presenze e 16 goal e suscita l’interesse di grandi club, come l’Arsenal di Arsène Wenger.
Nel 2001 viene però acquistato dall’Ajax di Leo Beenhakker, per 7,8 milioni di euro. L’esplosione di Ibrahimović avviene, però, sotto la guida tecnica di Ronald Koeman. Con la maglia dei “Lanceri” disputa 74 partite e realizza 35 goal; vince due campionati olandesi, nel 2002 e nel 2004, una coppa d’Olanda ed una supercoppa olandese nel 2002.
«La cosa più bella che ho fatto nella mia carriera in teoria era molto difficile, però in quel momento chi se n’è accorto? Era la mia ultima partita con l’Ajax, contro il Nac Breda; ne scartai sei, anzi sette perché uno lo superai due volte e poi segnai, ma non mi resi conto subito di aver fatto una cosa così speciale. Mi era venuta così e così mi è venuto quel colpo di tacco contro di voi, la cosa più importante della mia carriera. La più incredibile, invece, forse l’ho fatta quando avevo dieci anni; 4-0 per gli avversari, l’allenatore mi fa alzare dalla panchina e mi butta dentro, alla fine vinciamo 8-5. Ne segno 8, sì; ma quella partita non conta, ero troppo giovane».
Nonostante porti il 47 di scarpe e la poderosa stazza è capace di giocate di grande agilità e di grande classe, che valgono, da sole, il prezzo del biglietto; in possesso di un ottimo tiro, agisce sovente da punta di movimento per consentire ai compagni di squadra di inserirsi in fase offensiva. Non è fortissimo di testa e, spesso, eccede in intemperanze, dovuto al carattere abbastanza focoso, che gli costano parecchi cartellini gialli; ma, tutto sommato, si rivela uno dei più forti attaccanti del mondo.
«Per me provare un colpo di tacco è una cosa naturale. Dipende dalle situazioni, certo; ma se posso farlo, perché non farlo? Io non gioco per prendere in giro chi mi sta di fronte; semplicemente, a volte è la soluzione più rapida, più comoda. Prendete quel goal che feci all’Italia, nell’Europeo del 2004; se avessi dovuto fermare la palla, girarmi e tirare, Buffon l’avrebbe parata ed anche facilmente. Così, usando il tacco, ho messo tutte quelle cose in un colpo solo e Buffon non l’ha parato. Mi fa ridere chi ancora oggi dice che quel goal mi era venuto così, per caso, che non l’avevo fatto apposta; sapevo cosa facevo, certo che lo sapevo».
Nell’estate del 2004 passa alla Juventus per 19 milioni di euro; la prima stagione è strabiliante. Segna subito, alla prima giornata, contro il Brescia; è un errore clamoroso del portiere bresciano, ma fare goal all’esordio non è da tutti. Realizza anche nella partita successiva, contro il Palermo; si ripete contro il Chievo, la Reggina, l’Inter, la Lazio, il Parma, il Livorno e l’Udinese. Sembra che non riesca a smettere di segnare; realizza una doppietta a Firenze ed una tripletta contro il Lecce di Zeman; purtroppo, il suo pessimo carattere gli gioca, spesso, dei cattivi scherzi.
Nella partita casalinga contro l’Inter, viene scoperto dalle telecamere mentre colpisce Cordoba a palla lontana; la “Prova TV” è inflessibile e Ibra viene squalificato per 3 giornate, l’ultima delle quali nello scontro scudetto contro il Milan. Termina il vittorioso campionato con una rete di testa, contro il Parma, nella partita che, praticamente, consegna il titolo alla Juventus; incredibilmente, in Champions League non realizza nemmeno una rete, nonostante le dieci presenze. Comunque sia, totalizza 46 presenze e realizza 16 reti.
Nel campionato italiano è sempre difficile confermarsi e Ibra non sfugge a questa regola; nella stagione 2005-06, le presenze saranno 40, mentre le reti solamente 10. Ma è tutta la Juventus a non brillare, nonostante arrivi lo scudetto numero 29; nella partita casalinga contro l’Arsenal, che costa l’eliminazione dalla Champions League, la squadra viene contestata furiosamente e nemmeno Zlatan viene risparmiato. Anzi, è messo sul banco degli imputati, accusato di scarso impegno; Ibra non la prende bene e, nell’ultima partita casalinga contro il Palermo, dopo aver realizzato la rete del 2-0, mostra le orecchie al pubblico, in atto di sfida.
Nell’estate del 2006, decide di non seguire la Juventus in serie B e si trasferisce all’Inter, insieme a Patrick Vieira; termina così, in modo poco glorioso, l’avventura di Zlatan con la maglia bianconera.
«Per vincere il Pallone d’Oro, un giorno, dovrò lavorare ancora tanto. Non dico che non mi piacerebbe, perché un premio così è una prova, vuol dire che sei forte. Dico che non ci penso troppo e, soprattutto, che non ne voglio parlare troppo. Il mio idolo è sempre stato Muhammad Ali, perché era perfetto nel suo saper fare quello che prometteva; se diceva che avrebbe buttato giù un avversario in quattro riprese, dopo quattro riprese quello era per terra. Nessuno ha mai potuto dire che Mohammed Ali era uno che parlava e basta. Ecco, un giorno vorrei che si potesse dire la stessa cosa di Zlatan Ibrahimović. E per questo prometto quello che posso; al massimo, come succedeva a volte con Cannavaro, di fare due tunnel ai difensori avversari ed un goal. E di giocare sempre il mio calcio: perché se non giocassi così, non sarei Ibrahimović».


STEFANO CORSI DA “I NOSTRI CAMPIONI”:
Tecnicamente non lo si discute. Chi lo ha paragonato ad un jazzista ha visto giusto, perché davvero è l’improvvisazione la sua cifra distintiva. Mentre i compagni svolgono il compitino suggerito dallo spartito, lui può, in qualsiasi istante, inventare l’assolo decisivo, sia esso un assist che smarca il compagno davanti alla porta, sia il colpo di tacco imprevedibile che sorprende il portiere avversario e sigla una rete da antologia, sia il tiro squassante da fuori. Tutte cose che gli abbiamo visto fare con una certa frequenza ed una facilità impressionante. Del resto, non fosse un campioni di primissimo lignaggio, difficilmente avrebbe vinto tutti quanti i campionati disputati nel nostro Paese, alcuni quasi da solo.


Nessun commento: